i colori della mente… PROGETTO IN PROGRESS

December 16, 2015
2903236@aruba.it

La malattia mentale è uno dei grandi tabù della società contemporanea. Di fatto chi è affetto da una patologia psichiatrica vive spesso ancora ai margini della società. Guardiamo a questi individui con un pregiudizio fatto di inquietudine, paura, vergogna e persino fastidio.
La verità, però, è che i pazienti psichiatrici sono persone che portano dentro si sé il peso di una grande sofferenza, che li spinge a vergognarsi di se stessi e a isolarsi.
Chi soffre di disturbi come depressione, schizofrenia, disturbo paranoide non si riduce alla sua malattia, ma è un essere umano complesso, ricco di emozioni, spesso imprigionato nella gabbia del suo malessere.
Questo progetto esplora il mondo della malattia mentale attraverso la fotografia e il teatro. Gli scatti ritraggono alcuni dei partecipanti al laboratorio di dramma terapia di Caminante, associazione di volontariato milanese che ha lo scopo di contribuire al benessere individuale attraverso l’uso della dramma terapia.
Gli utenti-attori, che soffrono di diverse patologie fisiche e psichiatriche, si sono messi in gioco, denudando davanti all’obiettivo le proprie emozioni attraverso l’uso di un colore scelto da ognuno di loro e spalmato sulle mani, sul volto, sui vestiti.
Colore che copre, ma in realtà smaschera. Oggetto transazionale che permette un disvelamento mediato della parte più intima di sé. E proprio dal lavoro intenso, a volte timido, ma sempre partecipato di questi speciali attori sono nati dei ritratti in bianco e nero, che celano il colore, lo nascondono, lo mimetizzano, per mettere in risalto i corpi, i volti, gli sguardi, le espressioni dei protagonisti. Togliendo anche l’ultimo velo, l’ultima maschera, questi ritratti ci presentano le persone in quanto tali, in tutta la loro fragilità e umanità. Il richiamo al colore associato all’emozione viene fatto attraverso un dittico in cui l’immagine fotografica viene affiancata al pantone relativo al colore scelto dal singolo partecipante.
Nell’intento di dimostrare che ebbrezza, rabbia, paura, amore, gioia di vivere non sono sentimenti ad appannaggio solo dei cosiddetti “normali”. E che, forse, le persone affette da malattie psichiatriche non fanno poi così paura. Dopotutto, come disse Franco Basaglia, “visto da vicino, nessuno è normale”.



Leave a Reply

i colori della mente… PROGETTO IN PROGRESS i colori della mente… PROGETTO IN PROGRESS i colori della mente… PROGETTO IN PROGRESS i colori della mente… PROGETTO IN PROGRESS i colori della mente… PROGETTO IN PROGRESS i colori della mente… PROGETTO IN PROGRESS i colori della mente… PROGETTO IN PROGRESS i colori della mente… PROGETTO IN PROGRESS i colori della mente… PROGETTO IN PROGRESS i colori della mente… PROGETTO IN PROGRESS i colori della mente… PROGETTO IN PROGRESS i colori della mente… PROGETTO IN PROGRESS i colori della mente… PROGETTO IN PROGRESS
loading..